Diego Fusaro parla del suo libro “Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita” (Bompiani). La “fretta nichilistica” è la condizione degli abitatori del capitalismo contemporaneo, costretti ad affrettarsi senza tregua da un sistema autoreferenziale e senza senso, che rincorre il profitto e distrugge il pianeta. il “futuro-centrismo” che aveva animato la modernità e le sue promesse di emancipazione “a venire” ha ceduto il passo a un raggelante “eterno presente” in cui tutto va sempre più veloce e il presente resta l’orizzonte intrascendibile. il capitalismo globale che ha saturato il mondo e il nostro immaginario si regge su una ininterrotta rimozione del futuro come orizzonte aperto e su una accelerazione vertiginosa dei ritmi vitali, funzionale al consumismo e alla generazione del profitto.

 


Diego Fusaro: «Mi affretto dunque sono»