Burattini, maschere e la critica al potere